Artists against MUOS, galleria d'Arte Laveronica, Modica

di antonella santarelli

Si conclude la mostra Artists against MUOS

Galleria d’arte Laveronica, Modica

 

Si è conclusa, sabato 25 marzo, la mostra Artists against MUOS, Artisti contro il MUOS, esposta presso la galleria d’Arte Laveronica  di Modica.  Arte, cultura, impegno civile e politico indissolubilmente intrecciati nelle foto esposte, nei video e nei dipinti.  Testimonianze visive di un quinquennio di lotte e di mobilitazioni popolari in Sicilia che il mainstream mediatico ha evitato accuratamente di evidenziare. Eppure dirompenti nel vissuto della gente siciliana e  non solo sul piano dei risultati, (finora, almeno tre  anni di ritardo  nell’attivazione del pericoloso strumento di guerra che è il MUOS), ma soprattutto sul piano simbolico ed etico della riappropriazione dal basso di strumenti politici che possono creare condivisione e crescita culturale delle comunità. In qualsiasi altro Stato evoluto, tutto ciò sarebbe sinonimo di democrazia reale: le popolazioni locali e gli attivisti NO MUOS conoscono, invece, solo denunce e multe, di cui molte, a parere di numerosi legali,  emanate in regime di accanimento persecutorio. Sicuramente,  tendenti a scoraggiare l’impegno contro l’attivazione del MUOS, la stazione di terra di un mega impianto satellitare della Marina USA, installato abusivamente dentro la sughereta di Niscemi.  

La serata conclusiva è stata contraddistinta dalla semplice e raffinata atmosfera, creata sapientemente dai direttori della galleria, Sveva D’Antonio e Corrado Gugliotta. Cittadini, artisti di diverse nazionalità e attivisti provenienti da ogni parte dell’isola hanno partecipato alla serata finale della mostra, collettiva omaggio di Antenne46, Francesco D’Amore, Francesca Dimanuele, Giuseppe Firrincieli, Guglielmo Manenti, Maddalena Migliore, Matilde Politi, Irene Puglisi e Maria Domenica Rapicavoli.

 

 

 

 

Pubblicato domenica 26 marzo 2017